Post

Visualizzazione dei post da Agosto, 2018

Il bene e il male nella Divina Commedia - di Marta Armelloni

Immagine
Nella Divina Commedia di Dante è evidente la contrapposizione tra bene e male, il primo rappresentato ideologicamente dal Paradiso, il secondo dall'Inferno. Tra questi Dante interpone un luogo di passaggio, il Purgatorio, dove ci sono peccatori non peggiori di quelli dell’inferno, ma qui c'è spazio solo per la riflessione e il pentimento, perché attraverso il cammino, il pellegrinaggio verso Dio, l’anima aspira alla redenzione. Il male nella sua concretezza visibile è il buio, quello dell’oscurità della selva infernale, dal quale sono bandite le stelle. Essendo il male un concetto relativo, è naturale chiedersi come abbia fatto Dante a distinguere le varie specie di peccati, a determinare la gravità delle colpe e delle pene dell'Inferno. Dante seguì Aristotele, che distinse i peccati in ordine crescente di gravità: incontinenza, violenza e malizia; Infatti nei primi 5 cerchi dell’Inferno sono puniti i peccati di incontinenza, poi nel basso Inferno ci son…