Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2017

“La coscienza di Zeno“ di Italo Svevo - Irene Magnani

Immagine
Recensione del libro: “ La coscienza di Zeno “ di Italo Svevo.

Titolo: “ La Coscienza di Zeno “

Autore: Italo Svevo.
Italo Svevo, pseudonimo di Ettore Schmitz, nasce a Trieste nel 1861. Apparteneva ad una famiglia ebraica e, grazie alle caratteristiche culturali di una città come Trieste, Svevo riuscì ad acquisire uno spessore intellettuale raro. Fu messo in collegio in Baviera e si appassionò soprattutto alla letteratura tedesca. A 17 anni torna a Trieste per completare gli studi commerciali e nel 1880 entra a lavorare come impiegato nella viennese Banca Union, dove vi resterà per 20 anni. In famiglia dovette subire diversi lutti che però non gli impediranno una ricca attività: nelle ore libere dal lavoro si dedica allo studio del violino e durante la notte scrive. Come scrittore Svevo rimase però a lungo sconosciuto e l'insuccesso dei suoi primi due romanzi, “Una vita” (1892) e “Senilità” (1898), fu anzi tale da indurlo per circa vent'anni al silenzio letterario. Mentre vive…

Una questione privata di Beppe Fenoglio - di Alessandra Marinaccio

Immagine
La storia è ambientata nell’anno 1944 durante la Resistenza Partigiana sulle colline intorno ad Alba ed è un diario che narra quattro giorni di una dura guerra.  In questo racconto, vengono presentati dei personaggi più o meno rilevanti ma i principali sono Milton, che è il protagonista, Giorgio, che è l’antagonista e Fulvia. Milton è un giovane partigiano e con il suo compagno Ivan sta marciando su un sentiero.  Ad un tratto, Milton devia dal percorso e si trova davanti alla casa di Fulvia. Ivan preoccupato per Milton che si sta esponendo su una strada asfaltata per raggiungere la casa, lo richiama facendogli notare il rischio, ma egli entra ugualmente nei cancelli della villa.  Passando sulla stradina che porta all’entrata della casa, a Milton ritornano in mente i ricordi di Fulvia. Milton era un bravo scrittore e  traduttore e proprio questa sua virtù lo obbligava a scrivere delle lettere a Fulvia.  La prima volta che Milton andò a casa di Fulvia fu invitato per tradurle un brano, …