I Malavoglia di Giovanni Verga - di Giulia Bovini

I Malavoglia di Giovanni Verga
Il romanzo racconta la storia di una famiglia  soprannominata “I Malavoglia” famiglia che vive in Ssicilia ad Aci Trezza in provincia di Catania.
Il capo famiglia è Padron ‘Ntoni, vedovo, che vive insieme a suo figlio Bastiano detto Bastianazzo e sua nuora  che hanno cinque figli. La famiglia si guadagna da vivere con una piccola imbarcazione da pesca la “Provvidenza”e la storia ruota sulle varie situazioni disgraziate che accadono alla famiglia.
Si parte dalla partenza per la leva del primo nipote (‘N’toni) e per sopperire alla mancanza, il nonno cerca di fare un affare acquistando un grosso quantitativo di lupini da un concittadino chiamato Zio Crocifisso (persona chiamata cosi perché molto pessimista).  Il trasporto è affidato  a Bastianazzo ma purtroppo la barca affonda, il figlio muore e il carico viene perso. La famiglia si trova quindi ad affrontare oltre alla tragedia anche il debito dei lupini e la riparazione della barca.
N’toni il maggiore dei nipoti torna dal servizio militare ma si dimostra poco volenteroso ad aiutare la sua famiglia. Le disgrazie non finiscono qui e un altro nipote (Luca) muore durante una battaglia, per questo motivo le nozze di Mena  (altra figlia di Bastiano) vengono annullate.
A causa del debito la famiglia perde la sua casa e la sua reputazione, ulteriori catastrofi colpiscono questa sfortunata famiglia. Il nonno rischia la morte per un altro naufragio della Provvidenza e la nuora muore di colera. Il figlio grande finisce in galera per aver aggredito un brigadiere e il nonno muore senza rivedere la sua amata casa. Solo il minore dei fratelli continuerà a fare il pescatore e riuscirà a ricomprare la vecchia casa del Nespolo.
Considerazioni:
La storia mi è piaciuta anche se a volte mi sono un po’ persa tra i nomi e i soprannomi.

Commenti

Post popolari in questo blog

Riassunto libro “Colpa delle Stelle” Di John Green - di Valentina Stoppani

La locandiera di Goldoni - di Sofia Terraneo

La mandragola di Niccolò Machiavelli - di Alessandra Marinaccio