Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2015

Timeline di Michael Crichton - di Elisa Colombo

Immagine
Timeline è un romanzo di fantascienza ambientato ai giorni nostri e nella Francia medievale.
Un gruppo di archeologi sta lavorando a degli scavi in Francia quando il capo spedizione scompare e viene travata una sua richiesta di aiuto datata 1357.
Scoprono cosi che la  società che finanzia gli scavi,  che si occupa di fisica quantistica,  ha creato una macchina del tempo.
Tre archeologi, Chris, Marek e Kate dopo un corso accelerato di lingua antica vengono catapultati insieme a due tecnici della società nel 1357 nel bel mezzo di una sanguinosa battaglia tra inglesi e francesi per cercare di ritrovare il professore.
I due tecnici vengono subito uccisi, e i tre ragazzi rimangono soli.
Per degli uomini del XX secolo non è facile sopravvivere nel Medioevo.
Per fortuna Marek è un appassionato di armi medievali e riesce a combattere e difendere gli amici.
Non mancano i colpi di scena, gli archeologi si scontreranno con Sir Robert de Kere che in realtà è un uomo del XX secolo rimasto intrapp…

Tra agricoltura e industria (filatoio di seta) Renzo sceglie la seconda - di Elisa Colombo

Immagine
Tra agricoltura e industria (filatoio di seta) Renzo sceglie la seconda. Secondo te ha fatto la scelta giusta? Lo sai che, al contrario, oggi si assiste al fenomeno di molti giovani che, lasciata l’industria, tornano all’agricoltura?

Renzo sceglie di investire i denari di cui è venuto in possesso in un filatoio perché a quei tempi dava più stabilità e maggior guadagno rispetto al lavoro nei campi, quindi considerato il periodo storico, per me ha fatto la scelta giusta, ha cambiato anche il suo stato sociale.
La corsa all’industria sarà un fenomeno che continuerà negli anni fino ad arrivare ai primi del 900, quando si avrà la rivoluzione industriale.
In molti lasceranno la campagna per la città, perché è in città che nasceranno le grandi fabbriche,
A Torino aprirà la Fiat che offrirà numerosi posti di lavoro. Arriveranno operai da tutta Italia.
Questo scenario ai giorni nostri è notevolmente cambiato, la crisi economica ha causato numerose perdite di posti di lavoro e tanta precarietà.